Prima o poi ti ammazzo

No, caro avventore del Caffè, non è una minaccia ^^
Don't Worry Be Happy! perché si tratta in realtà di una nuova segnalazione letteraria.
Ho scoperto questo ebook per caso, mentre cercavo lande generose dove farmi pubblicità. E invece, i casi della vita, vi segnalo io il romanzo di Christina Anagnos: Prima o poi ti ammazzo
Per l'argomento trattato che mi interessa molto da sempre - violenza sulle donne, o meglio femminicidio dalle stesse parole dell'autrice-, mi ha attratto subito. Il fatto che sia anche un thriller, poi, ha aumentato la mia curiosità.

La lettura dell'anteprima ha confermato l'interesse: usa un registro estremamente colloquiale, che incarna pienamente la psicologia e il background della voce narrante (una delle protagoniste). Lo spiraglio in cui ci conduce è una realtà dura, cruda, deplorevolmente REALE. Narrata senza disincanti da chi la vive in prima persona. Per chi quello spiraglio di mondo è la realtà quotidiana, non un sentito dire.
Prima o poi ti ammazzo non rientra nei "Keep calm and read" perché non è una lettura fugace atta a rilassarsi e divertirsi. Benché -almeno da quel che ho letto- scorra velocemente, è una storia che risveglia le coscienze, al di là di essere più o meno concordi con le scelte delle protagoniste, induce a riflettere su temi attuali. DA SEMPRE.
E' un libro che dà voce a un dolore che si consuma nell'oscurità, perché nato da una brutalità che si nutre del silenzio.



Titolo: Prima o poi ti ammazzo
Autore: Christina Anagnos
Editore: Autoprodotto su Amazon
Uscita: 2013
ASIN: B00CKA2VVO
Peso: 365 kb
Prezzo: € 0,98 Ebook Kindle Amazon
Descrizione personaggi ed evolversi della storia: leggete l'articolo su recensionelibri.org.
“Prima o poi ti ammazzo” è un giallo contemporaneo, un romanzo che parla di violenza sulle donne, destinato a uomini e donne di tutte le età e classi sociali. Come la violenza in sé. l’antieroe diventa eroe e prende la sua vendetta… o meglio, semplicemente si difende.
 “… ci sono paesi in cui la violenza fisica e sessuale contro le donne è più presente del pane, paesi senza né leggi né vergogna. Ma anche dove le leggi ci sono, tantissime donne vengono uccise dal proprio uomo.
La violenza all’interno delle mura domestiche non è una semplice disgrazia sociale. È come una malattia fatale, o meglio, come una guerra, con feriti e morti. Va gestita come tale. L’omicidio di un violentatore o di uno stupratore può essere una forma di prevenzione. Impedisce la morte fisica o psicologica di una donna e – diciamocelo – è allo stesso tempo un favore all’umanità. Le legislazioni non basteranno mai e Dio ha altre priorità in questo secolo. Difendiamoci da sole. Si salvi chi può.”

In copertina foto di Virginia Fragiacomo

Grazie a questo prezioso gadget kindle-amazon che permette lo share, vi posto l'anteprima. Così, anche se per ora non aveste Kindle e non foste avvezzi al web-scarico (download), potrete farvi un'idea e decidere di comprare l'intero ebook, se lo desiderate. Per chi non lo sapesse: i mobi kindle si possono leggere tranquillamente anche al pc con un'apposita applicazione free scaricabile direttamente da Amazon: qui.

0 commenti